Usare una piastra per capelli può sembrare una operazione molto facile e abbastanza standard. In realtà è necessario farlo bene, così da non danneggiare i propri capelli con il calore eccessivo!

Praticità d’uso

È importante capire come sfruttare al meglio le prestazioni della propria piastra per capelli, andando nel frattempo a proteggere i capelli dal calore. Ciò diventa ancora più fondamentale se ti capita di usare la piastra per capelli con una certa frequenza, andando quindi ad esporre la tua chioma ad un calore molto forte.

Sicuramente, per poter usare bene la piastra per capelli è importante capire come maneggiarla. Per farlo, devi sceglierne una che sia pratica da usare.

Innanzitutto, dovresti valutare la lunghezza del cavo. Del resto, la tua libertà di movimento dipende da quest’ultimo, soprattutto se hai i capelli molto lunghi e quindi ti serve molto spazio. Inoltre un cavo più lungo ti rende meno schiava della vicinanza di eventuali prese di corrente. In media, un cavo di una piastra per capelli è lungo circa 2 metri.

Segue poi il peso, che va ovviamente ad influenzare l’ingombro della piastra per capelli. Si va da un minimo di 500 grammi fino anche ad 1 kg. Ciò significa che difficilmente una piastra per capelli risulterà davvero troppo pesante. Ci sono poi i modelli da viaggio, che risultano persino più leggeri, e che possono quindi essere portati in borsetta in palestra o in vacanza.

Proprio per rendere più portabile la tua piastra per capelli, è consigliabile munirsi di custodia. Essa proteggerà anche le placche di calore dalla polvere, e soprattutto i componenti elettrici dall’umidità tipica dei bagni e di altre zone in cui si usa la piastra per capelli.

In ultimo, potresti valutare il rivestimento esterno delle punte termiche. In questo modo eviterai di scottarti le dita ed anche il cuoio capelluto.

Imparare ad usare la propria piastra per capelli significa non solo proteggere la chioma dal calore, ma anche ottenere più facilmente una acconciatura da urlo!

Leggi anche: Quali sono gli accessori?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *