La sicurezza deve sempre essere la tua priorità principale. Per questo motivo, è essenziale imparare ad usare la smerigliatrice nel modo migliore, così da ottenere risultati perfetti e proteggere al tempo stesso se stessi e chi ci circonda.

Sicurezza in ogni caso

Ricordiamo che la smerigliatrice è un oggetto che funziona grazie ad un disco rotante con delle lame, che viene azionato da un motore. Insomma, si tratta di un attrezzo che può anche diventare pericoloso se non usato in modo corretto.

La legge impone l’uso di attrezzatura di sicurezza. Questo kit, che puoi comprare in qualsiasi negozio specializzato, comprende: occhiali protettivi, abiti da lavoro, scarpe antiinfortunistiche, quanti ignifughi e cuffie protettive per il tuo udito. È poi fondamentale fare delle pause e non esporsi troppo alle vibrazioni prodotte dalla smerigliatrice, così da non mettere in pericolo le nostre articolazioni.

Ci sono poi altre caratteristiche che possono rendere più sicura la tua smerigliatrice. È il caso del carter di protezione del disco, un componente ormai diventato obbligatorio. È bene che esso sia fissato correttamente, così da non spostarsi durante l’utilizzo. È anche importante la presenza di una leva di blocco, che sopporti le oscillazioni.

Anche l’albero motore dovrebbe avere un blocco, così da poterlo utilizzare quando devi cambiare o montare la mola. A proposito di protezioni, non dimenticare quella contro il riavvio accidentale. Essa si rivela utile quando l’alimentazione della tua smerigliatrice viene a mancare improvvisamente. Il motore si spegne automaticamente, così che la smerigliatrice non si riaccenda improvvisamente quando torna l’energia elettrica.

Anche l’avviamento dovrebbe essere graduale, così che la mola non inizi fin da subito a girare alla massima velocità, e ti lasci il giusto tempo per abituarti alla sua potenza.

La sicurezza è una priorità sia a casa che sul lavoro, e la smerigliatrice non è da meno. Ci sono piccoli ma importanti accorgimenti che possono aiutarti a lavorare in maggior sicurezza.

Leggi: Quali sono gli accessori?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *