Come il nome suggerisce, la tua stampante offre molteplici funzioni. Fra queste vi è lo scanner, uno strumento che può rivelarsi davvero utile. Ma come funziona? Scopriamolo insieme!

Scanner multifunzione

Ciò che caratterizza una stampante multifunzione è la presenza di uno scanner. Esso risulta integrato direttamente nel corpo della macchina, perciò non occupa ulteriore spazio se non quello della stampante stessa.

Ma a cosa serve lo scanner? Esso ti permette di digitalizzare, quindi riportare su formato digitale, documenti cartacei di ogni tipo.

La qualità degli scanner integrati nei modelli di stampante multifunzione è tutto sommata discreta. Ciò si basa sulla loro risoluzione ma anche sulla presenza, in molti casi, di un feeder automatico (ADF). Questo dispositivo permette al tuo scanner di lavorare in modo del tutto autonomo, quindi senza il bisogno di dover ogni volta inserire manualmente ogni foglio che desideri digitalizzare.

Per quanto riguarda la risoluzione, quella degli scanner di fascia media va più che bene per documenti testuali. Si tratta di un minimo di 600 DPI, se non di meno, e ciò basta per non perdere troppo la leggibilità del documento. Se invece vuoi poter digitalizzare anche foto e immagini, è consigliabile scegliere una risoluzione maggiore.

Altro fattore importante è la velocità, ovvero il numero massimo di scansioni che il dispositivo può effettuare nell’arco di un minuto. Ovviamente questo fattore cambia in base anche alla risoluzione, e sicuramente anche la presenza del feeder automatico andrà ad influenzare la velocità di scansione.

In genere, la velocità di scansione di una stampante multifunzione varia fra le 10 e le 25 pagine al minuto. È comunque un buon risultato, che può andare a migliorare con modelli di fascia più alta.

Lo scanner è uno strumento molto utile, anche se spesso ingiustamente sottovalutato. Esso è presente in tutti i modelli di stampante multifunzione, quindi è bene capire a cosa serva e come si usi!

Leggi anche: Qual è la differenza fra scarificatore e arieggiatore?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *